OBBLIGO DI PRESENTAZIONE DEL RENDICONTO ENTRO 180 GG. DALLA CHIUSURA DELL’ESERCIZIO E RELATIVA CONVOCAZIONE OBBLIGATORIA DELL’ASSEMBLEA

rendiconto
L’amministratore ha l’obbligo di rendicontare il proprio operato all’assemblea entro 180 giorni dalla chiusura dell’esercizio (art. 1130 n. 10 c.c.).
L’omessa convocazione dell’assemblea per l’approvazione dei conti rappresenta una grave irregolarità dalla quale può discendere la revoca giudiziale del mandatario (art. 1129, dodicesimo comma n. 1, c.c.).
 
È utile ricordare che:
a) la revoca giudiziale può essere chiesta anche da un solo condomino (art. 1129, undicesimo comma n. 1, c.c.);
b) la revoca giudiziale comporta la futura impossibilità di nominare l’amministratore revocato (art. 1129, tredicesimo comma n. 1, c.c.).
La giurisprudenza che si sta sviluppando sull’argomento è molto rigorosa: secondo i Tribunali che si sono pronunciati sull’argomento, la revoca è automatica, ossia basta oltrepassare il termine di 180 giorni previsto dalla legge affinché possa ritenersi avverata la grave irregolarità comportante la suddetta revoca (cfr. Trib. Taranto decreto 21 settembre 2015 e Trib. Udine decreto 25 marzo 2014).
 
 
Fonte http://www.condominioweb.com/quando-lamministratore-non-presenta-il-rendiconto-revoca.12296#ixzz3uaZILyKh
www.condominioweb.com
Timoteo LAMKIN
 
potete inviare i vostri quesiti via mail all’indirizzo studio@lamkin.eu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*